| Milano Bologna Roma Firenze Rimini Padova - Ipnosi per smettere di fumare - Ipnosi per dimagrire - Ipnoterapia ericksoniana - Costo sedute - Ipnosi regressiva - Ipnosi: come fare, cos'è, significato, tecniche per ipnotizzare

Studio sulle aree cerebrali durante la trance ipnotica

Attraverso la scansione il cervello dei soggetti mentre erano ipnotizzati, i ricercatori della School of Medicine sono stati in grado di vedere i cambiamenti neurali associate con l'ipnosi. I ricercatori di Stanford hanno trovato cambiamenti in tre aree del cervello che si verificano quando le persone sono ipnotizzate.

Gli scienziati hanno scansionato il cervello di 57 persone durante le sessioni di ipnosi guidate simili a quelli che potrebbero essere usati clinicamente per trattare l'ansia, dolore o trauma. Sezioni distinte del cervello hanno alterato l'attività e la connettività mentre qualcuno è ipnotizzato. "Ora che sappiamo che le regioni del cervello sono coinvolte, potremmo essere in grado di utilizzare tali conoscenze per alterare la capacità di qualcuno di essere ipnotizzato e l'efficacia di ipnosi per problemi come il controllo del dolore", ha detto l'autore dello studio, David Spiegel , MD, professore e presidente associato di psichiatria e scienze comportamentali.

Una scienza seria

Per alcune persone, l'ipnosi è associata a perdita di controllo o a trucchi di reatro. Ma i medici come Spiegel sanno che è una scienza seria, rivelando la capacità del cervello di guarire condizioni mediche e psichiatriche. "L'ipnosi è la forma più antica occidentale di psicoterapia, ma è stato oppressa da orologi a pendolo e mantelli porpora", ha detto Spiegel, che detiene una cattedra in medicina. "In effetti, si tratta di un mezzo molto potente di cambiare il modo in cui usiamo la nostra mente per controllare la percezione e il nostro corpo."

Nonostante un crescente apprezzamento del potenziale clinico di ipnosi, però, poco si sa su come funziona a un livello fisiologico. Mentre i ricercatori hanno già scansionato il cervello di persone che seguono l'ipnosi, questi studi sono stati progettati per individuare gli effetti dell'ipnosi sul dolore, la visione e le altre forme di percezione, e non lo stato di ipnosi sé. "Non esisteva uno studio in cui l'obiettivo era semplicemente chiedere cosa sta succedendo nel cervello quando si è ipnotizzato", ha detto Spiegel.

Trovare soggetti facilmente ipnotizzabili

Per studiare l'ipnosi sé, i ricercatori hanno prima il compito di trovare persone che potrebbero o non potrebbero essere ipnotizzati. Solo circa il 10 per cento della popolazione è generalmente classificato come "altamente ipnotizzabili," mentre altri sono meno in grado di entrare in uno stato di trance di ipnosi. Spiegel e i suoi colleghi hanno considerato 545 partecipanti sani e hanno trovato 36 persone con punteggio alto nei test di ipnotizzabilità, così come 21 soggetti di controllo scarsamente ipnotizzabile. Poi, hanno osservato il cervello di questi 57 partecipanti utilizzando la risonanza magnetica funzionale, che misura l'attività cerebrale individuando cambiamenti nel flusso sanguigno. Ogni persona è stato scansionata in quattro diverse condizioni - durante il riposo, ricordando una memoria e nel corso di due sessioni di ipnosi differenti.

"E 'stato importante avere le persone che non sono in grado di essere ipnotizzate come controlli", ha detto Spiegel. "In caso contrario, si potrebbe vedere le cose che accadono nel cervello di coloro che vengono ipnotizzati ma non sarebbe serto se ciò è associato con l'ipnosi o no." L'attività cerebrale e la connettività Spiegel e i suoi colleghi hanno scoperto tre caratteristiche del cervello sotto ipnosi. Ogni cambiamento è stato osservato solo nel gruppo altamente ipnotizzabile e solo mentre erano in fase di ipnosi. In primo luogo, hanno visto una diminuzione delle attività in una zona chiamata dorsale cingolo anteriore. "In ipnosi, si sta così assorti che non ci si preoccupa di nient’altro", ha spiegato Spiegel. Si tratta di un mezzo molto potente di cambiare il modo in cui usiamo la nostra mente per controllare la percezione e il nostro corpo.

In secondo luogo, hanno visto un aumento delle connessioni tra altre due aree del cervello - la corteccia prefrontale dorsolaterale e l'insula. Egli ha descritto questo come un collegamento cervello-corpo che aiuta il processo di cervello e controllare quello che sta succedendo nel corpo. Infine, la squadra di Spiegel anche osservato connessioni ridotte tra la corteccia prefrontale dorsolaterale e la parte che include il prefrontale mediale e la corteccia cingolata posteriore. Questa diminuzione della connettività funzionale probabilmente rappresenta uno scollamento tra le azioni e la loro consapevolezza delle azioni, Spiegel ha detto. "Quando sei veramente impegnati in qualcosa, non si pensa davvero di farlo - basta farlo", ha detto. Durante l'ipnosi, questo tipo di dissociazione tra l'azione e la riflessione permette alla persona di impegnarsi in attività o suggerite dal medico o auto-suggerito senza dedicare risorse mentali per essere consapevole circa l'attività.   

Trattamento di dolore e ansia senza pillole

Nei pazienti che possono essere facilmente ipnotizzati, sessioni di ipnosi hanno dimostrato di essere efficace nel ridurre il dolore cronico, il dolore del parto e altre procedure mediche; il trattamento di dipendenza da fumo e disturbo da stress post-traumatico; e facilitando l'ansia o fobie. Le nuove scoperte su come l'ipnosi colpisce il cervello potrebbe spianare la strada verso lo sviluppo di trattamenti per il resto della popolazione - quelli che non sono naturalmente suscettibili all'ipnosi. "Siamo sicuramente interessati all'idea che si può cambiare la capacità delle persone di essere ipnotizzato stimolando aree specifiche del cervello", ha detto Spiegel. Un trattamento che combina la stimolazione cerebrale con l'ipnosi potrebbe migliorare i noti effetti analgesici dell’ipnosi e potenzialmente sostituire antidolorifici che danno assuefazione e hanno effetti collaterali e farmaci anti-ansia, ha detto.

Autore principale dello studio è Heidi Jiang, un ex assistente di ricerca presso la Stanford che è attualmente uno studente laureato in neuroscienze presso la Northwestern University.
Altri co-autori di Stanford sono Matthew White , MD; e professore associato di neurologia Michael Greicius , MD, MPH.
  Lo studio è stato finanziato dal National Center for Complementary and Integrative Salute , l' Istituto Nazionale di Biomedical Imaging e Bioingegneria , Randolph H. Chase, MD Fund II, il Jay e Rose Foundation Phillips Family e Research center Nissan. >br> Stanford Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali e Dipartimento di Neurologia e Scienze Neurologiche anche inoltre sostenuto il lavoro.

Home | Fumo | Cibo | Altro | Psicologia