Ipnosi per dimagrire | Milano Bologna Roma Firenze Rimini Padova - Ipnosi per smettere di fumare - Ipnosi per dimagrire - Ipnoterapia - Costo sedute - Ipnosi regressiva - Ipnosi: come fare, cos'è, significato, tecniche per ipnotizzare

Dimagrire con l'ipnosi

In modo simile a quello che accade in altri ambiti della vita anche il cibo può dare dipendenza. Il controllo delle quantità viene quasi perduto mentre il senso di sazietà non svolge più il proprio ruolo. Non riuscendo a controllarsi si mangia più di ciò che è necessario ed in momenti nei quali non sarebbe necessario mangiare.
Si è consapevoli di non avere davvero bisogno di altro cibo, ma ciò non aiuta a fermarsi. Si mangia per rincorrere un benessere raggiunto solo per pochi istanti che apre la strada poi al senso di colpa.
Le cadute si susseguono le une alle altre mentre l'autostima si indebolisce. Una sorta di circolo vizioso nel quale con il cibo si cerca di alleviare la frustrazione che si prova amplificando invece il disagio.
L'ipnosi aiuta a ritrovare la libertà dall'eccessivo bisogno del cibo senza dovere privarsi di ciò che è realmente necessario. Saziare i veri bisogni del corpo, percepire la sazietà senza esserne frustrati.

Compila il modulo per avere informazioni senza impegno sui costi delle sedute

Nome

email

telefono (opzionale)

eventuali comunicazioni

Selezionando questa casella acconsento al trattamento dei dati personali secondo la normativa sulla Privacy secondo D. Lgs 196/2003 (OBBLIGATORIO PER INVIARE LA RICHIESTA)

ipnosi per dimagrireIl Dr. Panigalli ospite a Matrix nella puntata sulle diete
ipnosi per dimagrireLa seduta ipnotica con il conduttore Luca Telese


Ipnosi e regolazione dell'alimentazione

Scorrendo i dati scientifici più sotto sono descritti risulta evidente come vi siano dei precisi e innati meccanismi che permettono di regolare l'assunzione del cibo. La condizione di dipendenza però impedisce a questi meccanismi di svolgere appieno la propria funzione e il bisogno sporzionato di mangiare, sganciato dai reali bisogni del corpo, porta a comportamenti che contrastano con il benessere della persona. L'aumento di peso è solo il segno esteriore di questo alterato equilibrio. Esso è la conseguenza del fatto che il cibo è utilizzato per soddisfare dei bisogni diversi da quelli del corpo, ad esempio ricercare rilassamneto, felicità o compensare le frustrazioni della vita. Si sviluppa così nel tempo un desiderio sproporzionato legato a necessità mentali piuttosto che fisiche. Spesso quindi le diete vengono vissute come condizioni di privazione da un reale bisogno e una volta portate a termine con grande sacrificio lasciano alla mercè di una voracità ancora più grande.
Nell'ipnosi l'obiettivo è la liberazione dallo sproporzionato e irreale bisogno di cibo che il paziente avverte e che ha la meglio sulla forza di volontà.

Considerazioni sulla fame e sulla sazietà

La fame e la sazietà sono sensazioni. La fame rappresenta il bisogno fisiologico di mangiare cibo. Sazietà è l'assenza di fame; è la sensazione di sentirsi pieno.
L'appetito è un'altra sensazione provata con il mangiare; è il desiderio di mangiare cibo. Ci sono diverse teorie su come la sensazione di fame si pone. Un sano individuo ben nutrito può sopravvivere per settimane senza l'assunzione di cibo, con i reclami che vanno da tre a dieci settimane. La sensazione di fame si manifesta in genere dopo solo poche ore senza mangiare ed è generalmente considerato sgradevole. Sazietà avviene tra i 5 ei 20 minuti dopo aver mangiato.
La fame è anche il termine più comunemente usato per descrivere la condizione di persone che soffrono di una cronica mancanza di cibo sufficiente e costantemente o frequentemente sperimentano la sensazione di fame.

I morsi della fame

Ipnosi per dimagrire - I morsi della fame

Quando le contrazioni della fame iniziano a verificarsi nello stomaco, sono indicati come i morsi della fame. Morsi della fame di solito non cominciano fino al 12 a 24 ore dopo l'ultima assunzione di cibo. Una singola contrazione dura circa 30 secondi, e morsi proseguire per circa 30 a 45 minuti, poi la fame scompare per circa 30 a 150 minuti. Le contrazioni individuali sono separate in un primo momento, ma sono quasi continuo dopo un certo periodo di tempo. Stati emozionali (rabbia, gioia, ecc) possono inibire le contrazioni della fame. La sensazione di fame è aumentata da bassi livelli di zucchero nel sangue, più alta in pazienti diabetici . Essi raggiungono la loro massima intensità in tre o quattro giorni e possono diminuire nei giorni successivi, anche se la ricerca suggerisce che la fame non scompare mai. Le contrazioni della fame sono più intense nei giovani, persone sane che hanno alti livelli di tono gastrointestinale. I periodi tra le contrazioni aumentano con l'età avanzata.

Meccanismi biologici

La fluttuazione di leptina e grelina livelli modulano la motivazione di un organismo di consumare alimenti. Quando un organismo mangia, adipociti innescano il rilascio di leptina nel corpo. L'aumento dei livelli di leptina determinano una riduzione della motivazione a mangiare. Dopo ore di non-consumo, i livelli di leptina tornano diminuire sensibilmente. Questi bassi livelli di leptina causano il rilascio di un ormone secondario, grelina, che a sua volta reinnesca la sensazione di fame.
Alcuni studi hanno suggerito che un aumento della produzione di grelina può aumentare l'appetito evocato dalla vista del cibo, mentre un aumento dello stress può influenzare la produzione dell'ormone. Questi risultati possono aiutare a spiegare perché la fame può prevalere in situazioni di stress.
Lo stato raggiunto quando il bisogno di cibo è stato soddisfatto viene chiamato sazietà. Il centro di sazietà negli animali si trova nel nucleo ventromediale dell'ipotalamo.

Regolazione a breve termine della fame e dell'assunzione di cibo

Segnali neurali dal tratto GI

Un metodo che il cervello utilizza per valutare il contenuto dell'intestino è attraverso le fibre nervose vagali che trasportano segnali tra il cervello e il tratto gastrointestinale (tratto GI). Studi hanno dimostrato che attraverso queste fibre nervose vagali il cervello può percepire una differenza . Recettori di stiramento lavorano per inibire l'appetito inviando segnali lungo il percorso del nervo vago afferente e inibendo il centro della fame.

Segnali di nutrienti

I livelli ematici di glucosio, aminoacidi e acidi grassi forniscono un flusso costante di informazioni al cervello che possono essere collegati alla regolazione della fame. Segnali che indicano pienezza, e quindi inibiscono la fame sono i seguenti: aumento dei livelli di glucosio nel sangue, elevati livelli ematici di aminoacidi, concentrazioni ematiche di acidi grassi

Segnali ormonali

Gli ormoni insulina e colecistochinina (CCK) vengono rilasciati dal tratto GI durante l'assorbimento degli alimenti e agiscono per sopprimere la sensazione di fame. CCK è la chiave per sopprimere la fame a causa del suo ruolo nell'inibire neuropeptide Y . I livelli di glucagone ed epinefrina aumentano durante il digiuno e stimolano la fame. La grelina, un ormone prodotto dallo stomaco, è uno stimolante della fame.

Fattori psicologici

Ipnosi per dimagrire - Fattori psicologici

Stati psicologici sembrano svolgere un ruolo nella assunzione di cibo a breve termine. Soltanto ripetutamente immaginando il consumo di un alimento, per esempio, si può ridurre il successivo consumo effettivo di tale alimento riducendo la motivazione a consumarlo. Due processi psicologici sembrano essere coinvolti nella regolazione dell'assunzione di cibo a breve termine: gradevolezza e volere. La gradevolezza si riferisce alla appetibilità o sapore del cibo, la quale diminuisce dopo un consumo ripetuto. Volendo è la motivazione a consumare l'alimento, che è ridotta anche mediante ripetute consumo di un alimento e può essere dovuto a modifiche nei processi relativi alla memoria. Può essere innescato da una varietà di processi psicologici. Come quando si vede una pubblicità o l'odore un alimento desiderabile. Mangiare un cibo può indurre un desiderio per alimenti complementari, gli alimenti che sono percepiti capaci di aggiungere piacere al consumo di quel cibo. I partecipanti ad un esperimento che hanno bevuto un sorso di cola, per esempio, sono stati successivamente disposti a pagare di più per un cheeseburger.

Regolamentazione a lungo termine di fame e di assunzione di cibo

Fattori fisiologici

La leptina, un ormone secreto esclusivamente dalle cellule adipose in risposta ad un aumento della massa grassa, è un componente importante nella regolazione della fame a lungo termine e dell'assunzione di cibo. La leptina funge da indicatore del cervello di riserve di energie del corpo. Quando i livelli di leptina aumentano nel sangue si legano ai recettori di ARC . Le funzioni della leptina sono: Sopprimere il rilascio di neuropeptide Y (NPY), che a sua volta impedisce il rilascio di orexins dall'ipotalamo laterale. Questo diminuisce l'appetito e l'assunzione di cibo, favorendo la perdita di peso. Anche se l'aumento dei livelli ematici di leptina favoriscono la perdita di peso in una certa misura, il suo ruolo principale è quello di proteggere il corpo contro la perdita di peso in tempi di deprivazione nutrizionale. Altri fattori influenzano la fame a lungo termine e la regolazione dell'assunzione di cibo ad esempio l'insulina.

Fattori psicologici

La decisione di mangiare un alimento di nuovo in futuro sembra essere guidata da diversi fattori psicologici in genere legati alla memoria del precedente episodio di consumo. Le persone hanno una memoria migliore del consumo di un alimento alla fine piuttosto che all'inizio di un passato episodio di consumo, ricordano meglio l'ultimo boccone del primo. Di conseguenza, il loro godimento dell'ultimo boccone di un alimento (che di solito è meno piacevole rispetto al primo) è il miglior predittore di quanto presto vorranno ancora mangiare. Questa maggiore influenza dell'ultimo morso rispetto al primo morso è dovuto ad un'interferenza nella memoria, per cui memorie successive rendono più difficile ricordare godimento dei precedenti bocconi di cibo.

La fame pre-pasto

Ipnosi per dimagrire - Fame pre-pasto

Prima di consumare un pasto, le riserve energetiche del corpo sono in equilibrio omeostatico ragionevole. Tuttavia, quando un pasto viene consumato, v'è un afflusso che disturba l'omeostasi nel flusso sanguigno. Quando il pasto si avvicina, il corpo prende misure per attenuare l'impatto di questo squilibrio rilasciando insulina nel sangue e abbassando i glicemia livelli. Questo abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue che causa la fame preprandiale e non necessariamente un deficit energetico.

Risposta comportamentale

La fame sembra aumentare l'attività e il movimento in molti animali - per esempio, un esperimento su ragni ha mostrato una maggiore attività e predazione in ragni affamati, con conseguente grande aumento di peso. Questo modello è visto in molti animali, tra cui gli esseri umani durante il sonno. Si verifica anche in ratti con corteccia cerebrale o stomaco completamente rimosso. L'aumento dell'attività su ruote del criceto è verificato quando i ratti sono stati privati non solo di cibo, ma anche di acqua o vitamine del gruppo B come tiamina. Questa risposta è probabilmente destinata ad aumentare la probabilità degli animali di trovare cibo, anche se è stato anche ipotizzato che la reazione allevia la pressione sulla popolazione sul luogo in cui gli animali vivono. C'è anche una differenza tra le risposte neurologiche nei maschi e femmine umane in risposta alla fame e sazietà.

Home | Fumo | Cibo | Altro | Tecnica