328-4198543

info@panigalli.it

Contattami
Contattami su WhatsApp

Emergenza sanitaria e sedute online

Le sedute online hanno attualmente un costo ridotto a causa dell'emergenza Covid -> info qui

Paure e fobie

Paura di guidare, di volare, dei luoghi chiusi, degli spazi aperti, degli insetti, dei gatti, degli altri, paura della paura. L'elenco potrebbe continuare a lungo, ma mi fermo qui. Tutte queste paure comportano evitamento e una più o meno grande compromissione della propria autonomia personale. Nel corso del tempo, ascoltando storie anche molto diverse tra loro, mi sono reso conto che vi sono elementi comuni anche se le condizioni appaiono molto differenti.

Innanzitutto può non essere presente un evento traumatico iniziale. Non occorre un incidente stradale per sviluppare la paura di guidare come può non essere accaduto di essere stati graffiati da un gatto per temere i felini. Nonostante questo a volte la richiesta è di fare una seduta ipnotica per scoprire ciò che ha provocato il problema al fine di liberarsene.

Questo deriva dalla diffusa convinzione che occorra scoprire la causa di un problema per risolverlo, ma ahimè quasi sempre non è così. Spesso conosciamo le cause, ma subiamo le conseguenze. Se un padre autoritario ha minato la fiducia in sé di un figlio non è ricordando tutte le sue affermazioni infelici che lo si renderà automaticamente una persona sicura.

Quando un trauma iniziale c'è, esserne consapevoli non giova a nulla. Un incidente, un malessere, uno svenimento, una caduta, un blocco, una figuraccia, un attentato, un'esplosione. Razionalizzare? Fatto. Parlarne? Anche troppo. Rielaborare? In ogni modo.

Tutte le attività possibili dal punto di vista cosciente e razionale segnano il passo. Cambiare pensieri, abitudini, consapevolezze, ragionamenti. Quando tutto è già stato tentato ci si trova di fronte ad una via senza uscita. Che fare?

Per quello che mi riguarda questa domanda diventa "Come utilizzare l'ipnosi per favorire un cambiamento?". Che senso ha utilizzare l'ipnosi per questo tipo di problema? Che vantaggio può avere questa terapia o in che modo può rappresentare un aiuto?

Un aspetto da considerare a tal proposito è che l'ipnosi non agisce a livello razionale. Non ha alcuna utilità convincere un paziente che ha paura di volare del fatto che le automobili sono molto più pericolose. Questo lo sa già. Lui ha bisogno di sentirlo, non di saperlo. Ha bisogno di sentirsi tranquillo e non di ricevere una informazione razionale.

Per qualche motivo il suo cervello ha identificato un certo aspetto della realtà come pericoloso e ciò lo porta a sentirlo tale con la conseguenza di evitarlo o di sopportarlo con grande fatica. Questo accade però ad un livello più profondo di quello cosciente, ad un livello che può essere considerato inconscio.

Questo livello più profondo è proprio l'ambito specifico di intervento della terapia ipnotica. Le suggesioni hanno lo scopo di favorire un cambiamento nel modo di fare esperienza delle cose. Ridurre il timore che impedisce di vivere pienamente tutti gli aspetti della propria vita.

Dr. Christian Panigalli

Psicologo Ipnoterapeuta

Mi sono laureato in psicologia a Padova e successivamente specializzato in psicoterapia ipnotica all'AMISI di Milano. Durante il primo incontro svolgo un colloquio per mettere a fuoco il problema e contestualmente una seduta ipnotica. È importante che nei giorni seguenti il paziente verifichi se ha tratto un beneficio dalla terapia in modo da valutare come proseguire. Preferisco procedere così, passo dopo passo, per evitare il rischio di svolgere sedute inutili che non si traducano in un reale beneficio per i pazienti

Richiedi appuntamento o informazioni

A causa dell'emergenza sanitaria applico uno sconto alle sedute online. Specificare "seduta online" nella richiesta info sedute online