Fumo | Milano Bologna Roma Firenze Rimini Padova - Ipnosi per smettere di fumare - Ipnosi per dimagrire - Ipnoterapia ericksoniana - Costo sedute - Ipnosi regressiva - Ipnosi: come fare, cos'è, significato, tecniche per ipnotizzare

Smettere di fumare con l'ipnosi

La terapia ipnotica è utilizzabile con le dipendenze. Per quella da nicotina la seduta ha l'obiettivo quello di favorire l'astensione attraverso il cambiamento delle abitudini che essa comporta.
L'induzione ipnotica è preceduta da un colloquio che permette di conoscere le abitudini del paziente, le sue caratteristiche psicologiche e di adattare così l'intervento terapeutico. Nello stato ipnotico si prova un piacevole rilassamento fisico e mentale, qualcosa di simile ai momenti che precedono l'addormentamento.
Durante la seduta non c'è perdita di controllo, viene conservata la percezione del mondo esterno e non ci si addormenta: l'ipnosi, se condotta in maniera corretta, non comporta alcun rischio. La risposta all'induzione ipnotica è soggettiva.
ipnosi per dimagrireOspite a Omnibus life con Girolamo Sirchia sul tema della dipendenza dalla nicotina
Per informazioni su disponibilità e costi compilare il modulo o inviare un messaggio WhatsApp al 3284198543

Compila il modulo per avere informazioni senza impegno sui costi delle sedute

Nome

email

telefono (opzionale)

eventuali comunicazioni

Selezionando questa casella acconsento al trattamento dei dati personali secondo la normativa sulla Privacy secondo D. Lgs 196/2003 (OBBLIGATORIO PER INVIARE LA RICHIESTA)

Alcuni degli studi sull'utilizzo dell'ipnosi nella disassuefazione tabagica e riferimenti bibliografici

Tarantino F. Il Training ipnotico nella cessazione del fumo di tabacco. Rivista Italiana di Ipnosi e Psicoterapia Ipnotica 2013;4:98
Tarantino F. Il trattamento del tabagismo con la psicoterapia ipnotica neo-ericksoniana. La prospettiva fenomenologica. Rivista Italiana di Ipnosi e Psicoterapia Ipnotica 2016; 3:60-70
Carmody TP, Duncan C, Simon JA et al. Hypnosis for smoking cessation: a randomized trial. Nicotine Tob Res 2008 May;10(5):811-818
Lynn SJ, Green JP, Accardi M, Cleere C. Hypnosis and smoking cessation: the state of the science. Am J Clin Hypn 2010 Jan;52(3):177-181
Nagar A. L’ipnosi nella disassuefazione del fumo: un’esperienza ospedaliera decennale. Di Nagar utili dati statistici sulla popolazione italiana seguendo questo link
Prof. Enrico Facco Prof. Enrico Facco. Specialista in Anestesiologia e Rianimazione. Specialista in Neurologia. Senior Professor Università degli Studi di Padova. Qui nel video relativo alla possibilità di effettuare operazioni in ipnosi


Effetti farmacologici della nicotina

Sono tanti i motivi che spiegano la grande diffusione della dipendenza dalla nicotina, è una sostanza subdola che da una parte permettere di non compromettere il proprio stile di vita e dall'alta provoca danni molto gravi.
Ha molti effetti sul sistema nervoso ed essi alimentano la dipendenza. Migliora la concentrazione e la capacità di apprendimento attraverso l'aumento di acetilcolina. Aumenta l'attenzione e la vigilanza per via dell'aumento di acetilcolina e noradrenalina. Riduce il dolore aumentando acetilcolina e beta-endorfine e riduce l'ansia con l'aumento di beta-endorfine. Produce sensazioni di benessere e rilassamento aumentando la quantità di dopamina.
Uno spettro di effetti davvero ampio che può essere sentito come irrinunciabile. Più delle immagini terrificanti impresse sui pacchetti forse sarebbe meglio scrivere: ne sentirai sempre il più bisogno e sarà difficilissimo smettere!

Motivazione

Una cosa è certa: è difficile pensare di poter smettere di fumare se non si matura una solida motivazione a farlo. Essa per prima cosa è preferibile che abbia un carattere personale. Difficile smettere perchè fidanzata, moglie, figli o genitori lo desiderano. Una buona motivazione di solito nasce dalla constatazione di un danno provocato dal fumo o dalla consapevolezza di essere prigionieri di una dipendenza. Paradossalmente a volte problemi seri di salute non riescono a suscitare il cambiamento mentre occasioni qualcosa di molto meno importante raggiunge l'obiettivo. L'odore sgradevole sui vestiti, gli effetti di invecchiamente epidermico, un commento negativo sul proprio alito.

Riduzione o astensione completa

Può sembrare che arrivare all'astensione gradualmente possa facilitare, ma spesso non è così. Lo sforzo sperimentato nella fase di riduzione il più delle volte rende un cattivo servizio al raggiungimento dell'obiettivo finale facendo sentire ancor di più ossessionati dal pensiero del fumo.

I classici timori

Il nervosismo. L'astinenza dalla nicotina può far sentire un po' più nervosi. Questo effetto varia da persona a persona ed è transitorio. Lo scoglio maggiore riguarda il cambiamento di abitudini dal momento che in momenti di tensione nel passato l'azione di fumare è stata utilizzata come valvola di sfogo.
Il risveglio. L'abitudine di fmare al risveglio come modo per incominciare con il piede giusto la giornata spesso è molto radicata. Questo dipende dalla funzione stimolante della nicotina unita al fatto che il fumo stesso può impedire di godere di un sonno completamente ristoratore con la conseguente necessità di un aiuto per ripartire.
L'aumento di peso. Per alcuni può essere un piccolo fastidio, per altri un autentito incubo. Allora, è vero che la nicotina accelera il metabolismo e nei primi tempi l'organismo si deve riadattare alle mutate condizioni. Il problema nasce non da questo, ma dal fatto che la funzione che aveva il fumo può incominciare ad essere svolta dal cibo (relax, premio, gratificazione, ecc ecc). Il meccanismo psicologico alla base è molto simile e occorre fare attenzione per evitare che il cibo prenda il posto della nicotina
Le pause sul lavoro. Quasi tutti gli ex fumatori notano che quella che prima sembrava una necessità (fumare per rilassarsi) poi una volta smesso di fumare appaia una alibi (la scusa dello stress lavorativo per potere assumere nicotina)

Le suggestioni ipnotiche utilizzate

Le suggestioni ipnotiche sono un po' il cuore della terapia. Se lo stato di trance è la condizione nella quale si viene progressivamente indotti dall'ipnotista, le suggestioni sono le comunicazioni dirette all'inconscio. Esse rendono possibile il cambiamento e sono un vero e proprio atto psicoterapeutico. Lo stato ipnotico e la relativa disattivazione dei processi di pensiero coscienti rendono efficaci tali comunicazioni.

Tipi di suggestione

In linea di massima le suggestioni sono suddivisibili in negative-avversative e in positive-liberanti. Le prime hanno lo scopo di far sentire spiacevole l'oggetto della dipendenza, le seconde agiscono sulla dipendenza. L'aspetto più importante però è quello della liberazione dal bisogno di fumare mentre la riduzione della tolleranza dell'odore e del sapore sgradevole del fumo sono la conseguenza.

Suggestioni dirette o indirette

A seconda delle caratteristiche del paziente e della trance ipnotica possono essere utilizzate delle suggestioni più dirette (come ad esempio quelle destinate ad accentuare la sgradevolezza del fumo) oppure con caratteristiche più indirette (come ad esempio delle metafore legate al concetto di liberazione)

Il cuore del problema

Il nucleo fondamentale della dipendenza è forse questo: concedere ad un elemento estraneo alla persona di esercitare un'azione interiore. Mi spiego. Posso fare un tuffo in mare per un sano desiderio di vivere una bella esperienza oppure farlo per ottenere da quella azione un effetto psicologico, per stare un po' meglio, per essere meno triste, meno nervoso. Nulla di male mi si obietterà, ma la mia mente incomincerà a registrare una informazione precisa. Sono passato da uno stato emotivo ad un'altro attraverso lo svolgimento di un comportamento. Successivamente la mente mi offrirà, nel momento in cui proverò uno stato simile a quello già sperimentato, come possibilità per cercare di cambiarlo, lo stesso comportamento utilizzato in precedenza.
Questo spiega perché la dipendenza possa svilupparsi per comportamenti molto diversi tra loro come fumare, mangiare, svolgere una attività sportiva e tanti altri ancora. Ciò che li accomuna è l'effetto psicologico che si ottiene e quindi ogni cosa nella vita può indurre dipendenza. Il nodo fondamentale è lo stesso: lasciare che qualcosa moduli in modo vantaggioso la propria esperienza interiore.
Si cementa nel tempo l'idea che senza un certo supporto esterno non vi sia possibilità di ottenere l'effetto desiderato. Si diventa, così, dipendenti. La dipendenza fagocita quote sempre più ampie di libertà personale e tende ad avanzare estendendo e rafforzando il proprio dominio.

Considerazioni tratte dai colloqui con i pazienti

1

Ipnosi per smettere di fumare - dipendenza

"Buongiorno mi parli un po' del fumo, ha già tentato di smettere, che cosa ha provato quando ha cercato di farlo?" Comincia più o meno così una seduta di ipnosi destinata ad aiutare una persona a smettere di fumare e parlando emergono sensazioni, tentativi, paure, difficoltà. C'è chi oppone un perentorio devo-essere-sincero-a-me-piace-fumare oppure chi fuma quasi con disgusto, chi utilizza il fumo come una valvola di sicurezza per regolare la tensione o chi si gode la vista della campagna dal terrazzo della propria casa fumando, chi riempie voragini di tempo nei lunghi spostamenti in auto per lavoro e chi trova nel fumo la compagnia che gli manca. Potrei andare oltre e sono certo di riuscire ad annoiarvi, alla fine. Quello che risulta dalla somma di tutti i racconti è che meglio di un camaleonte la nicotina si adatta ad ogni persona e ad ogni stile di vita. L'ansioso si calma, lo stanco si attiva, l'insonne si addormenta, l'iracondo si placa, il timido si rassicura e così via all'infinito. Verrebbe da chiedersi se sia proprio vero che il fumo svolga tutte queste funzioni, spesso opposte, ma quello che importa è che sia vero per chi lo vive. Avete presente quelle palle di vetro dentro le quali, scuotendole un po', incomincia a nevicare? Essere dentro una dipendenza significa sapere perfettamente di trovarsi dentro una palla di vetro, che la neve è finta e che la situazione è completamente artificiale, ma non riuscire ugualmente ad uscire fuori. Paradossalmente non c'è nessuno più competente di un fumatore rispetto alla situazione che sta vivendo, ma come molte volte accade la consapevolezza non porta automaticamente al cambiamento.

2

Ipnosi per smettere di fumare - associazioni mentali legate al fumo

Come si finisce però dentro quella palla? Come si diventa prigionieri di un'abitudine? Credo che una parte fondamentale ce l'abbia la ripetizione. Mi spiego meglio. Immaginiamo di ripetere uno stesso semplice gesto in modo ripetitivo una serie di volte. Questa stessa serie ripeterla decine di volta ogni giorno stando attenti che venga ripetuta in corrispondenza di alcuni momenti caratteristici della giornata: alcuni orari, certi luoghi o più semplicemente in corrispondenza di un determinato stato d'animo (tensione, relax, noia, solitudine, eccetera). Questo per 7 giorni alla settimana, 30 giorni al mese, 365 giorni all'anno per molti anni. Nel momento in cui decidessimo di interrompere la ripetizione di quella azione non pensate che ne sentiremmo un inspiegabile e irrazionale bisogno? Il vantaggio di avere un cervello come il nostro è che possiamo imparare infinite cose e questo processo è così potente che ce ne rendiamo conto solo in parte. Vi sarà capitato di passeggiare con un amico lungo un viale e successivamente, ripassando per quel viale, ricordare quasi esattamente ciò di cui, fermi accanto ad un lampione o accanto ad una villa ottocentesca, stavate amabilmente conversando. Eravate per caso attenti a collegare nella vostra mente una immagine a un pensiero? Avevate intenzione di consolidare nel vostro cervello un'associazione? Evidentemente no. Quindi se è così efficace la capacità di unire due parti distinte della vostra esperienza che entrano in contatto inavvertitamente e per un solo istante, sarà tanto più grande la probabilità di associare una azione alla propria stessa vita. Se a questo aggiungiamo una lieve sensazione di fastidio conseguente alla riduzione nel sangue di una sostanza introdotta nel corpo mediante quella azione che cosa abbiamo? Lo avete già capito, abbiamo la droga perfetta.

3

Ipnosi per smettere di fumare - nicotina dipendenza dal fumo

A questo punto potrei andare direttamente a cosa l'ipnosi può fare per chi desidera smettere di fumare e cioè tirare, come si dice, l'acqua al mio mulino. Sono invece stuzzicato dall'idea di scrivere qualcosa, in base alla mia esperienza, che potrebbe essere utile indipendentemente dall'ipnosi. Chi sa che una semplice lettura non possa riuscire ad aiutare qualcuno a smettere? Si può infatti smettere anche senza alcun aiuto esterno. Dopo una bronchite, quando si rimane incinta, dopo la lettura di un libro, partendo per una vacanza, al compimento del cinquantesimo anno di età oppure semplicemente per una scommessa fatta con un amico; vuoi vedere che ricominci a fumare prima te? Il denominatore comune per riuscirci è spesso un certo disimpegno, occasionalità, leggerezza nel tentativo compiuto. Come se più è grande la battaglia interiore per ottenere la liberazione, più l'oggetto del desiderio rischia di prendere forza. Maggiore lo sforzo di auto-privazione, più grande la sensazione di mancanza. Più epico lo scontro, più probabile la sconfitta. Avete presente la storia per la quale in tutto un giardino qualcuno desiderò proprio l'unico frutto che era stato proibito? Come se il desiderio prendesse vita proprio dalla privazione. Le cose vanno diversamente quando l'imposizione viene dall'esterno, quando l'astensione non è frutto di una scelta personale. Durante un viaggio in aereo, mentre si assiste alla proiezione di un film al cinema, durante l'orario di lavoro se non è possibile assentarsi nemmeno per un istante. Tutte situazioni nelle quali è impossibile fumare. Stranamente il fumatore sembra non vivere con troppe difficoltà questi periodi di tempo a volte anche prolungati. Perchè questo avviene? Tento di spiegarlo con un esempio. Un bambino passa davanti ad una vetrina assieme al babbo e vede un giocattolo che decide di ottenere. Per ottenerlo incomincia a fare i capricci, si dimostra infelice fino alle lacrime. Il babbo può reggere lo stress oppure cedere, se cede il bambino vince. Se lo stesso bambino passa davanti alla stessa vetrina assieme al fratello maggiore (che non ha denaro e che quindi non gli può comprare nulla) non farà nessun capriccio. Perchè? Perchè il giocattolo gli piace di meno? Certo che no! Non piange perchè sarebbe solo uno spreco di energie visto che il fratello non potrà mai fare l'acquisto. Portiamo ora questo scenario dentro la nostra mente. Il bambino è la parte del cervello che ha sviluppato la dipendenza, il genitore è la parte del cervello che matura il desiderio di cambiare. I capricci sono tutte quelle strategie che la parte dipendente mette in atto per costringere quella che vuole cambiare a cedere: nervosismo, angoscia, tristezza, impazienza, ansietà, tempo che non passa mia, come farò a fare pause sul lavoro, forse non mi ammalerò anzi si è ammalato chi non fuma, mi controllo su tutto il resto, non ho un vizio altro a questo, vado avanti? No. Il fratello invece è una figura esterna non influenzabile. Il datore di lavoro, la legge, un regolamento, ecc. Il giocattolo, inutile dirlo, è il fumo.

4

Si potrebbe obiettare: il fumo fa ammalare e nessuno vuole morire. Certo! A me però non è mai capitato di incontrare un fumatore assolutamente certo di morire entro l'anno per colpa del fumo. Ho invece spesso incontrato persone che avevano almeno un nonno che ha vissuto tanto e fumava come un turco. I dati statistici sono un po' come quelli elettorali, nessuno di noi ha mai sentito un politico affermare di avere perso sonoramente le elezioni.

5

Un aspetto particolare riguarda la sgradevolezza del fumo. Se quando il bambino futuro fumatore avverte uno spontaneo fastidio, dove finisce quella istintiva capacità di identificare ciò che è dannoso una volta diventato fumatore? Questo fenomeno riguarda tutte le forme di dipendenza. La percezione delle componenti nocive dell'abuso viene attenuata. Niente di sorprendente, è la stessa capacità che ha permesso al genere umano di non estinguersi prima dell'avvento dell'acqua corrente.

6

Ipnosi per smettere di fumare - fumare per calmare le tensioni

Uno degli effetti che vengono descritti più frequentemente dai pazienti è la sensazione di scaricare le tensioni. Il fumo viene utilizzato per calmarsi, tranquillizzarsi, evadere, sopportare, evitare di dare in escandescenza. Il mistero è come una sostanza stimolante come la nicotina riesca a svolgere una funzione calmante. Lo fa anche in questo modo. Se sul lavoro abbiano un problema, con il condomino una questione e in banca una scadenza, dentro di noi, causata da ciascuna di queste cause, si crea una tensione. Noi percepiamo la somma lavoro-più-condomino-più-scadenza. Se a queste sorgenti di tensione aggiungiamo la carenza di nicotina aumenta di poco il livello dello stress. Quando la nicotina viene assorbita dall'organismo il livello complessivo della tensione diminuisce, da qui la sensazione di relax. In più ci sono aspetti secondari quali uscire sul terrazzo, distrarsi mentalmente, compiere gesti rituali, tutte componenti presenti come conseguenza legate dell'azione del fumare e che costituiscono un corollario che consolida l'effetto rilassante.

7

Ipnosi per smettere di fumare - non fumare durante gli spostamenti in aereo

La dipendenza è una questione mentale. Anche se ci sono persone che avvertono più di altre la mancanza della sostanza, questa non gioca il ruolo più importante per la dipendenza dalla nicotina. Un bisogno reale può essere avvertito più o meno intensamente, ma sostanzialmente non può essere soppresso facilmente. Se la concentrazione di liquidi nel corpo diminuisce abbiamo sete, se è un po' che non mangio ci viene fame e se è tanto che non dormiamo ci si chiudono gli occhi. Anche per la nicotina accade qualcosa del genere, ma in alcune circostanze il bisogno di assumere la sostanza sembra temporaneamente scomparire. Profondamente assorbiti in un impegno lavorativo, durante un lungo viaggio in aereo, in un luogo completamente diverso da quelli solitamente frequentati. Questo fa pensare che effettivamente il bisogno che si sente abbia ua spiccata componente mentale e, in determinata circostanze, possa addirittura scomparire. Il tutto senza sforzo di volontà, senza crisi di astinenza e senza nervosismo. Come se il desiderio di fumare non sia correlato al trascorrere del tempo che determina la riduzione della concentrazione di nicotina nel sangue, ma alle condizioni nelle quali questo avviene.

Home | Applicazioni | Richiesta